www.santacrocegubbio.it | Pietrone
1427
page-template-default,page,page-id-1427,cookies-not-set,ajax_leftright,page_not_loaded,boxed,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

HOME > Chiesa > Il “Pietrone”

Il “pietrone” o “petrone” è una pietra di forma ovoidale, inserita nel selciato davanti al cosiddetto Palazzo del Capitano del Popolo ma che in realtà era l’antica residenza della Famiglia Gabrielli: non esistono notizie certe sulle origini di tale pietra, tante le ipotesi che nel corso del tempo sono state formulate, ma per ora nessuna fonte ha trovato una corrispondenza nella documentazione d’archivio.

I primi cenni sulla esistenza di questa particolare pietra li abbiamo nella metà del XVII secolo in quanto era diventato il vocabolo con il quale indicare una parte della parrocchia di San Secondo o del quartiere di San Martino: l’attuale “pietrone” risale ai mesi precedenti la Pasqua del 1949.

Per la realizzazione dello stesso si è avvalsa di nuove pietre conciate dallo scalpellino Lamberto Damiani detto “Tozzetto” e sapientemente poste in essere da Enzo Cacciamani e Giuseppe Brunelli (fonte Fabrizio Cece).

Pietrone Resturo

Il precedente, in forma più tondeggiante, era tutto sconnesso e rotto in varie parti, dava piuttosto l’impressione di una vecchia macina da mulino posizionata lì proprio per far da supporto al cataletto del Cristo Morto per non depositarlo sulla fanghiglia della strada, che per la stagione in cui si celebra il Venerdì Santo, era quanto mai frequente: nei registri d’amministrazione della Confraternita di S.Croce della Foce sono annotate quasi tutti gli anni le spese per la pulitura dal loto (fango) quella parte di strada che va dalla chiesa di Santa Croce al “petrone”.

Sopra il “pietrone” durante la Processione del Venerdì Santo il cataletto con il Cristo Morto viene fermato ed “offerto” per circa 15 minuti alla venerazione dei fedeli.

Nell’anno 2016 il il “pietrone” è stato accuratamente restaurato, lo stato della pietra, tanto cara alla popolazione eugubina, versava in un cattivo stato di conservazione. La Confraternita di S.Croce della Foce ringrazia pubblicamente il dono gratuitamente offerto alla collettività dalle maestranze della società IKUVIUM R.C. Srl. 

La società eugubina nel recente passato aveva sapientemente restaurato lo spendido soffitto a cassettoni della Chiesa di Santa Croce della Foce nel quale sono evidenziati tutti i simboli della passione che vengono mostrati ai fedeli durante la Processione del Cristo Morto.