www.santacrocegubbio.it | la Battistrangola
1108
page-template-default,page,page-id-1108,cookies-not-set,vcwb,ajax_leftright,page_not_loaded,boxed,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

HOME > Processione > la Simbologia > La Battistrangola

Le battistrangole sono degli strumenti in legno con battente in ferro su ambedue le facce; quando vengono agitate con movimento semirotatorio alternato e veloce producono un discreto fracasso.

 

Il lugubre suono delle battistrangole preannunciava in passato il corteo dei condannati a morte; nei riti ecclesiastici sostituisce, durante la settimana santa, il campanello e serve per annunciare le varie funzioni religiose in quanto le campane non possono essere suonate nei giorni di venerdì e sabato santo.

In alcune zone sono denominate anche “battola”, “crepitacolo” o “tabella”, nel meridione sono chiamate “troccole”.

 

Nella Processione del Venerdì Santo di Gubbio le quattro battistrangole aprono la sacra rappresentazione ed annunciano il passaggio del corteo per le vie del centro storico cittadino.

 

Nell’anno 2014  il “coro del Miserere della Madonna” nel corso di una visita a Roma ha donato a S.S. Papa Francesco una battistrangola appositamente realizzata per l’occasione.

Slide background
Slide background
Slide background
Slide background