www.santacrocegubbio.it | Galleria Artistica
1723
page-template-default,page,page-id-1723,cookies-not-set,vcwb,ajax_leftright,page_not_loaded,boxed,,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

HOME > Processione > Processione Cristo Morto > Galleria Artistica

PIERO RADICCHI_Poesie

autore: Piero Radicchi (1919 – 1995)

Piero Radicchi è nato a Gubbio e precisamente in via Gabrielli, quartiere di S. Martino, nei pressi della chiesa di Santa Croce della Foce.

Ha frequentato la scuola elementare a Gubbio, ma, al fine di andare avanti con i suoi studi, fu costretto a trasferirsi a Andora (Liguria, a nord-ovest d’Italia), non lontano dal confine con la Francia, dove ha studiato e vissuto in un convitto gestito dai Canonici Regolari Lateranensi che a Gubbio officiano nella chiesa di San Secondo e nella chiesa di Santa Croce della Foce. Dopo la scuola secondaria, si iscrive al ginnasio, ma a causa della morte prematura del padre, dve cambiare i suoi piani e, di conseguenza, si iscrive alla scuola per diventare insegnante. La passione e l’amore per Gubbio sono stati fonti di ispirazione della sua poesia. Una poesia in dialetto, che rende molto bene l’autenticità, la freschezza e l’originalità del dialetto di Gubbio, la lingua dei nostri padri che le nuove generazioni stanno purtroppo perdendo. È morto il 14 agosto 1995.


Venerdì santo, giorno de dolore.
C’è ‘nna massa de gente a Santa Croce;
‘n città e ‘n campagna è cómme ‘n passavoce:
– ‘ricàmo ‘n ghiésa per bacià ‘l Signore -.


Mai cómme nte sto giorno i contadini
éron nte ‘n Gubbio; pe’ sta divozione
‘n via Gabrièlli era tutto lampiuncìni
e dovùnque passàa la processione.


‘N verso le tre Nacléto, ‘l sagrestàno,
de niàltri fìi formàa ‘n bel gruppetto
e ‘l catafàlco ‘nsieme alestivàmo
per poggià ‘l Cristo sopra ‘l catalètto.


La giornata avéa da èsse’ mèsta;
piena la ghiésa ma anche l’osterìa;
‘n cèrti momènti te paréa ‘nna festa
pe ‘l gran beve e vocià’ che se sentìa.


Ta le porte de l’osterìe ‘mpiccàti
c’éron tondi biscòtti su j uncìni
de legno; èron la voòjà de i fiettìni
che li tenéon sul braccio rinfilàti.


Pe’ l’aria se sentìeno i freschi odori
de i dolci casarécci già sfornàti
e ‘l profùmo de bàlsamo de i fiori
sul corpo del Signore struscinàti.


Le cresce e i dolci de la tradizione
s’aviàeno, comm’era sempre usàto,
‘l giorno de Pâsqua pe’ la colazione;
si l’asaggiài prima … era pecàto.


D’asaggiàalli piàa la fantasìa
ma n’ lo facéi… pe’ n’ guastà’ l’ugìa.
Quando le battistràngole rientràeno
con quel rumore roco, strano, tristo


le voce de la gente se camlàeno
perchè se ‘ntravedéa a venì ‘l Cristo
portato a spalla sopra ‘l catalètto;
sostàa sul catafàlco lì ‘l «Pietròne»


e pu’ ‘n silenzio e ordine perfètto
cuminciàva a sfilà’ la processione.
‘L primo a mòvese era ‘n vecchiarèllo
che jé dicéeno «Icche» a sopranome


per via che, sopra ‘n cànnido pannèllo,
portàa ‘n teschio con tanta divozione,
su ‘n du’ stìnchi ‘ncrociàti e su la testa
lìscia e giallàstra c’era scritto a mano


“Hic est homo”. Co’ la voce mèsta
dicéa qualcùno: – Cómme ariventàmo!-
E, dóppo ‘n pó’, tra fiàccole e preghiere,
s’alzàa quel mèsto canto… ‘l «Miserere».